GOTH.IT gothic punk resources









Home > Risorse > Artisti > Dettaglio artista

UK decay (uk)


keywords:


http://www.ukdecay.co.uk
Eventi futuri
Nessun evento presente (Se volete segnalarne uno mandate una mail a [protected])
Se siete a conoscenza di altri concerti dell'artista in oggetto, oppure in caso di errori o imprecisioni potete segnalarlo all'indirizzo [protected].

Sono riportati nell'elenco sottostante commenti e informazioni aggiuntive su questo artista, se presenti, inserite dai visitatori di GOTH.IT.
Se desiderate aggiungere un vostro contributo usate il pulsante nuovo contributo in basso.

GOTH.IT non e' responsabile del testo riportato nei messaggi inseriti. Eventuali messaggi dal contenuto particolarmente offensivo o che verranno ritenuti non idonei saranno eliminati.

 Eric 
 2009 
Biografia
Eric
[protected]
[protected]
[78.134.14.158]
22/04/2009, 17:57
Da un comunicato stampa:

Nati dalle ceneri del gruppo punk The Resistors, comprendevano alla voce Paul Wilson, alla chitarra Steven Abbot, alla batteria Steve Harle e al basso Martin "Segovia" Smith.

Dopo l'abbandono di Wilson nell'estate del '79, assunsero il nome di UK Decay. Dopo un esordio discografico condiviso con una band locale, la band pubblica nel 1980 l'EP Black Cat, e nello stesso anno si esibisce per la prima volta a Northampton con gli allora emergenti Bauhaus. Sempre nello stesso anno arriva il singolo "For My Country" (Fresh Records) che fonde magistralmente l’energia del punk, tematiche politiche e sonorità cupe ed oscure.

Nel 1981 fu la volta dei singoli "Unexpected Guest" e "Sexual" (che raggiunsero la posizione n° 4 nelle classifiche indie ) e dell'album For Madmen Only, uscito nell'ottobre '81, che resero gli UK Decay i fondatori del "positive punk", sottogenere del gothic rock che mescolava atmosfere teatrali e liriche con ritmiche complesse e tribali.

Nell'agosto 1982, in seguito al fallimento della Fresh Records, uscì l'EP Rising From the Dread per la Corpus Christi, etichetta del gruppo punk dei Crass. Il 31 dicembre dello stesso anno però il gruppo, sfiancato dalle tournee, si sciolse tenendo un ultimo concerto al Klub Foot di Londra, dal quale fu tratto l'unico live A Night for Celebration che uscì all'inizio del 1983.

Il riconoscimento ufficiale della critica alla band arriverà solo anni più tardi, mentre i gruppi da loro influenzati, come Southern Death Cult e Sex Gang Children iniziarono proprio nell'83 a riscuotere un immediato successo. Dopo lo scioglimento il chitarrista Steve Spon formò gli In Excelsis mentre il resto del gruppo assunse la denominazione Furyo, incidendo un ottimo album ( purtroppo rimasto inedito ) e due EP’s.

Alla metà del 2008, più di 25 anni dopo la loro ultima esibizione dal vivo, la band si riunisce per un’unica esibizione in occasione di uno speciale ‘reunion party’ per amici e fans. Questo concerto trovò immediatamente il suo spazio su Youtube e in tanti forum della rete. In breve, diversi promoters iniziarono ad offrire opportunità alla band in tutto il mondo. La prima esibizione fuori dal Regno Unito fu al Drop Dead Festival a Lisbona (2008), come headliner, durante il quale gli UK Decay furono acclamati come il ‘ritorno di una leggenda’

“La reazione del pubblico alla nostra performance al DDF VI fu assolutamente fantastica,” dice il chitarrista Spon. “Non mi aspettavo che così tanta gente, che non era nemmeno nata l’ultima volta che abbiamo suonato, conoscesse i nostri pezzi così bene. Siamo rimasti davvero toccati.”

http://www.ukdecay.co.uk

www.myspace.com/ukdecay
Editor contributi
Nome:E-Mail:
Titolo:
Commento:

mostra emoticons



home | updates | events | resources | newsletter | guestbook | cerca | credits | banner | [protected]
L'intero contenuto del sito e' inserito dagli amministratori di GOTH.IT, dai suoi visitatori e tramite segnalazioni pervenute da terzi. Ne GOTH.IT ne alcuna persona coinvolta con questo sito può essere ritenuta responsabile per qualunque informazione errata, parziale o fuorviante. Vi consigliamo di verificare la veridicità di quanto segnalato contattando i locali, le organizzazioni, i siti degli artisti o quanto può servire a riguardo.
Nessun compenso, in qualunque forma, viene richiesto o percepito per l'inserimento o la modifica delle informazioni presenti su GOTH.IT.
Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.