GOTH.IT gothic punk resources









Home > Risorse > Artisti > Dettaglio artista

The spectral eye (it)


keywords:


http://www.villenoire.net/spectral
Risorsa inserita il 30/10/2006, visto 3746 volte (rate:3.27)
Eventi futuri
Nessun evento presente (Se volete segnalarne uno mandate una mail a [protected])
Se siete a conoscenza di altri concerti dell'artista in oggetto, oppure in caso di errori o imprecisioni potete segnalarlo all'indirizzo [protected].

Sono riportati nell'elenco sottostante commenti e informazioni aggiuntive su questo artista, se presenti, inserite dai visitatori di GOTH.IT.
Se desiderate aggiungere un vostro contributo usate il pulsante nuovo contributo in basso.

GOTH.IT non e' responsabile del testo riportato nei messaggi inseriti. Eventuali messaggi dal contenuto particolarmente offensivo o che verranno ritenuti non idonei saranno eliminati.

 Spectral eye 
 2007 
 N.S. 
 2007 
 N.S. 
 2006 
 spectral eye 
 2006 
Recensione Solitaire Souls
N.S.
[protected]
[protected]
[213.140.6.109]
05/03/2007, 12:39
A distanza di pochi mesi dall'uscita del mini cd d'esordio, questo musicista dalle tinte forti e dall'aspetto inquietante ritorna a pubblicare le sue visioni ed i suoi deliri.
Per chi non avesse ancora conosciuto il lavoro di questo giovane dagli occhi colorati di nero, e' bene iniziare con una breve premessa: si presenta come un "fantasma della citta'", che vaga per le strade in silenzio, penetrando nei pensieri e nei ricordi di chi lo sfiora, passandogli accanto, per poi raccontarli mettendoli in musica.

Anche per questa seconda uscita on-line, si parla sempre di un mini cd contenente 4 tracce, per un total timing di circa venti minuti, pubblicato sempre sotto la netlabel polacca Rain e sempre gratuitamente scaricabile dall'archivio web d'oltreoceano.

Lo stile delle song si mantiene fedele a quello dell'esordio, forse anche a causa del poco tempo intercorso tra la composizione di un album e l'altro, ma presenta comunque alcuni discostamenti interessanti, che segnano una certa crescita dell'artista. Spiccano, tra le altre cose, il suono e' piu' curato e di qualita' migliore, che rivela uno studio in questa direzione, che rende l'ascolto piu' gradevole, ed una strutturazione piu' organica dei pezzi, che risultano cosi' piu' vicini alla coerenza che di si aspetta da un produzione professionale o che ambisca ad esser tale.
Di particolare rilievo sono anche gli ottimi inserti melodici: anche questa volta il pianoforte la fa da padrone, e non manca di spezzare e stupire, anche nei pezzi piu' distorti e cupi, con dolcissimi e profondi intermezzi dalle romantiche sfumature.

In conclusione, questo album mantiene le caratteristiche che avevano colpito positivamente nel suo predecessore, ma ne migliora alcuni aspetti, portando quindi un passo piu' avanti la crescita dell'artista e regalandoci una nuova mezzoretta di piacevole ascolto e di "visioni spettrali".

Per ascoltare o scaricare l'album: http://www.archive.org/details/rain017
Nuovo album in uscita
Spectral eye
[protected]
[protected]
[213.140.6.109]
22/02/2007, 16:51
E' in uscita un nuovo lavoro di The Spectral Eye, previsto per marzo 2007, che sara' intitolato "Solitaire Souls".
Proseguendo la collaborazione iniziata con il primo mini cd, il nuovo album verra' rilasciato dalla net-label polacca Rain, e sara' scaricabile gratuitamente dal web.

Per avere maggiori informazioni:
Visita il sito - Scarica il Flyer
Recensioni
N.S.
[protected]
[protected]
[213.140.6.109]
10/01/2007, 14:31
Recensione
N.S.
[protected]
[protected]
[213.140.6.109]
06/11/2006, 13:27
Immagina che tra le strade della tua città si aggiri un fantasma.
Un fantasma non visto e non sentito, che vede e sente i tuoi pensieri e le tue emozioni.
E poi, immagina che questo fantasma sappia scrivere musica.


Spectral Eye è un artista emergente, alla pubblicazione del suo primo mini cd, composto da 4 tracce per un totale di circa 20 minuti di suono, all'interno dei quali ha scelto di sviluppare un singolare quanto strano concetto: le visioni della città e dei suoi abitanti attraverso gli occhi di uno spirito, che sbircia i suoi concittadini e ne assapora le emozioni, trasformandole in musica.

Si tratta di un artista emergente, abbastanza giovane (o almeno cosi' pare dall'unica foto che ha inserito nel suo sito personale) e tendente al dark, che si colora gli occhi di nero e piange sulle visioni di ricordi altrui, mentre prende la pioggia sporca della citta'. Un artista emergente che puo' sembrare eccessivo, magari un po' teatrale, magari un po' vanitoso e pretenzioso… Ma è un artista emergente che ha talento!
Questo ragazzo ha composto 4 pezzi che mi hanno fatto premere "download".
4 pezzi che ho inserito nella mia playlist della mattina.
4 pezzi di cui ho letto il testo e su cui ho riflettuto.
E tutto cio' vuol dire, al di la' delle simpatie o antipatie che il suo sguardo storto e narcisista mi ispira, che questo ragazzo ha talento.

Si tratta di musica elettronica, prodotta dalla netlabel polacca Rain (http://www.archive.org/details/rain ): tutto viene suonato con l'ausilio di un computer e una tastiera, traccia per traccia, strumento per strumento. Certo, questo toglie la commistione di suoni e specializzazioni ed idee che sono tipiche di una band composta da piu' elementi creativi, ma, d'altro canto, aggiunge forte omogeneita' e coerenza al lavoro svolto con solitaria dedizione.

Del resto va ammesso che la creatività, pur trattandosi di una sola mente pensante, non manca di certo, soprattutto nelle scelte di contrasti e passaggi vertiginosi, che affiancano atmosfere dolcissime a martellate di puro doom.
Per tutta la durata del mini-album, ci sono suoni di chitarre distorte ed acide, mischiate a pianoforte, puro, emozionante e bello come ad un concerto di musica classica; ci sono melodie semplici, ossessive, con ritmiche basilari e dirette; ci sono parole cantate con voce fonda, distorta quasi quanto le chitarre, con inflessione metallica come fosse urlata attraverso un megafono, alternata a sussurri e sospiri nostalgici.

Questa produzione d'esordio pare essere, nelle intenzioni dell'autore, la prima di una serie di brevi cd, sempre scaricabili dall'archivio on-line in forma gratuita, ispirati allo stesso tema, volti a descrivere e raccontare, come si legge nel suo sito personale (http://www.villenoire.net/spectral), quella parte di mondo e di anima che non viene vista quasi mai, che si confonde e si perde nel ritmo frenetico e nel caos della città, e che forse solo l'ochio di un fantasma può scorgere e raccontare.

Insomma, concludendo la mia recensione, posso dire che questo mini cd o fa impazzire o fa schifo, difficilmente ci saranno vie di mezzo.
E il suo autore, Spectral Eye, o affascina o fa schifo, anche lui come la sua musica, senza vie di mezzo.
Se vi consiglio di ascoltarlo? Si. Anzi, no… insomma, fate voi. Se vi ho incuriosito o se pensate vi possa interessare il genere, ecco i link per ascoltarlo:

http://www.archive.org/details/rain015
Risorse
spectral eye
[protected]
[protected]
[213.140.6.109]
31/10/2006, 11:33
Riporto di seguito un breve elenco di risorse relative ai miei lavori:

:devil:Ascolto e download MP3
:devil:MySpace page
:devil:Blog: Spectral views

Grazie e ciao!
Editor contributi
Nome:E-Mail:
Titolo:
Commento:

mostra emoticons



home | updates | events | resources | newsletter | guestbook | cerca | credits | banner | [protected]
L'intero contenuto del sito e' inserito dagli amministratori di GOTH.IT, dai suoi visitatori e tramite segnalazioni pervenute da terzi. Ne GOTH.IT ne alcuna persona coinvolta con questo sito può essere ritenuta responsabile per qualunque informazione errata, parziale o fuorviante. Vi consigliamo di verificare la veridicità di quanto segnalato contattando i locali, le organizzazioni, i siti degli artisti o quanto può servire a riguardo.
Nessun compenso, in qualunque forma, viene richiesto o percepito per l'inserimento o la modifica delle informazioni presenti su GOTH.IT.
Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
soprano-curs